Menu

Sono Sara, ho ventisei anni e studio Ingegneria Meccanica alla Federico II di Napoli. Appassionata di fotografia, viaggi, telefilm. Logorroica a giorni alterni, chiamata troppo spesso “cappuccino” a causa del mio nickname su Instagram. Resto convinta sostenitrice degli espressi con cremina e del macchiato. Per passione: visual storyteller, digital content creator. Ho un amore sconsiderato per il mio Paese, e per il Sud Italia. Non vivo senza azzurro. Per tante altre frivolezze vai alla pagina about.

Instagram Stories: le applicazioni migliori

04/11/2017

Le stories su Instagram sono state un interessante aggiornamento introdotto tempo fa da Zuckemberg per tenere avvinto il popolo di Snapchat. Le scorriamo rapidamente, a volte ne guardiamo così tante, così velocemente, che facciamo davvero fatica ad apprezzarle. E chi lavora coi social fa sempre più fatica ad emergere. Oggi ti spiego come creare Instagram Stories bellissime con applicazioni ad hoc, quindi senza dover mettere mano al temutissimo Photoshop. Non c’è bisogno di essere grafici esperti, basta un po’ di buon gusto, l’app giusta, e l’effetto WOW è assicurato. 

Le più popolari

Unfold

Unfold, applicazione per creare ig stories bellissime

Direttamente dalla lista delle nuove applicazioni per Instagram Stories e soprattutto tra le più amate, c’è Unfold. Presente sia per iOS che per Android, dal sapore molto minimal, permette di creare collage di gran gusto e di buon impatto visivo. Puoi caricare sia immagini sia video, su cornici e fondi bianchi, e poi aggiungere le scritte con font personalizzati offerti dall’applicazione. Davvero molto bella e di design, spesso viene aggiornata con nuove pack per avere layout sempre nuovi e sempre freschi. Di grande tendenza è il layout a pagamento Ripped Paper, l’effetto è davvero bello. L’app è gratuita, solo alcuni layout sono a pagamento.

 

Canva

Canva, applicazione per creare ig stories bellissime

Francamente, è la prima tra tutte. Diponibile per iOS, Android e soprattutto per usarla da PC. Credimi se ti dico che quest’ultimo dettaglio non è così banale. Non ne posso ormai più fare a meno. La uso sia per creare annunci in stories, sia perchè ha i font più variegati. Risulta un’app assolutamente indispensabile, la sua particolarità sta nel fatto che ci puoi fare davvero di tutto: non è solo tra le applicazioni migliori per Instagram stories, ci puoi creare dal tuo curriculum vitae fino alle cover per Facebook. Non sottovalutarla solo perché è una risorsa online: la tutti gli strumenti e le capacità, in alcuni casi, di far tremare il trono dorato di Photoshop. Il vantaggio sta nel fatto che Canva lo sa, e quindi ordina i layout per tipologia di contenuti: che cosa vuoi creare? Cover facebook? Post 1:1? Ig stories? Locandina per il tuo negozio? C’è già tutto. Scaricabile da qui.

Inshot

Quando si tratta di video, è l’unica app che dovete prendere in considerazione. Perfette di effettuare dei veri e propri montaggi video, con tanto di tagli, transizioni e così via. Potete aggiungere una musica a vostro piacimento, o usare quelle della libreria, che sono molto carine. E non è finita qui: consente di applicare filtri (gratuiti e a pagamento) se volete fare un po’ di color grading ai vostri video, o di regolare l’esposizione come fareste con una fotografia in Lightroom. C’è la funzione delle scritte “a tempo”, per farle comparire in questa scena, e sparire dopo un certo intervallo di tempo. Altre funzione comodissima, troppo sottovalutata di Inshot, è il fatto che consente di creare anche dei collage (trovate il pulsante appena aprite l’app). In questo modo risparmiate spazio evitando app superflue. 

Le meno conosciute

Over

Over, applicazione per creare ig stories bellissime

Che non sta per il “davvero” in dialetto napoletano, ma per “sopra” intenso sopra alle immagini. Over è stato un successo iOS che ora finalmente è sbarcato anche su Android. L’app ha una versione base gratuita, e per avere features in più bisogna sottoscrivere un abbonamento. Il suo punto di forza sta sempre nel fatto che esistono già dei layout preimpostati in base al social in cui vuoi condividere il tuo post. Per chi lavora coi social è un gran bel risparmio di tempo. Niente male, ma Canva fa le stesse cose senza essere così pretenziosa.

 

April

April, applicazione per creare ig stories bellissime

Questa mi è stata consigliata per direttissima su Instagram. April è un’ottima alternativa a Canva per chi desidera qualcosa che punti molto al design, ma ha un funzionamento leggermente diverso rispetto alle altre app. Quest’ultima lavora “per poster” cioè per creare dei poster e degli stili già pre-configurati attraverso stabiliti filtri, scritte, layout.
Ce ne sono di tantissimi tra cui scegliere, anche per tematiche. Ci sono quelli più adatti alla fotografia di food, quelli per still-life e così via.
Download Android

 

Piclab

Piclab, applicazione per creare ig stories bellissime

Anche PicLab è tra le applicazioni per Instagram Stories che considero molto completa. Oltre a consentire di aggiungere scritte, permette anche di fare un bell’editing. Puoi aggiungere overlay di frasi già preparate, di quelle solite e più gettonate, o di inserire overlay di luce o textures per dare più consistenza alle foto o un effetto più gradevole. Ci sono anche dei filtri come tutte le app di editing che si rispettano.

Download Android  – Download iOS

 

Consigli utili: come usare al meglio queste app

Ti ho consigliato un bel po’ di applicazioni, ma l’unico vero trucco per emergere è uno soltanto: sii te stesso.  Scegli sempre in base alla tua personalità, a chi sei tu, che sia una scritta, un’impostazione, un’idea. Non rincorrere lo stile di un altro, ci sono così tante scelte e porte da aprire lì fuori nel vasto mondo della creatività, che limitarsi a scopiazzare e tentare di riprodurre lo stile di un altro è davvero un offesa alla tua creatività. 

Fatta questa doverosa premessa, qualche consiglio voglio però lasciartelo:

  1. L’obiettivo è invogliare l’utente a leggere. Quindi tutto quello che diremo sarà improntato ad ottenere questo risultato, da un punto di vista estetico, ma anche di comodità. Nessuno vuol perdere tempo della sua vita a sforzarsi di leggere un testo. Ho poi riscontrato, tramite i miei mitici sondaggi Auditel, che quando una stories è esteticamente curata, l’utente è maggiormente spinto e invogliato alla lettura.
  2. Non esagerare coi font. Scegline due diversi al massimo, altrimenti diventa tutto troppo confusionario. E sai cosa succede? Chi legge si annoia, e skippa. E mi raccomando, no font troppo piccoli, no scritte troppo grandi.
  3. Scegli colori leggibili, meglio ancora se in palette con la foto, o in palette tra loro. Se poi ti abitui ad usare sempre gli stessi colori, rafforzi la tua identità di brand.
  4. Non scrivere tutto in un unico blocco. Esattamente come per i post nel feed, suddividere ciò che scrivi in paragrafi fa “respirare” il tuo testo. L’utente che vede il malloppone di Guerra e Pace pubblicato in stories si impanica e che fa? Skippa. Bravo.
  5. Io ho iniziato ad usare un mio sfondo personale per le stories scritte. Lo sfondo è sempre lo stesso, in questo modo aiuta chi guarda a capire subito che sta leggendo qualcosa di mio. Confermato dalle ultime ig stories, questo può creare subito, ancor prima di leggere, interesse, sapendo che si tratta delle stories di una persona che seguo con piacere.

Hai altri 5 minuti?

Con cosa modifichi invece le tue foto? Sei a corto di idee e non sai come editare in maniera impeccabile le tue foto? Vieni, ti svelo io quali sono le migliori applicazioni per mobile editing.

pinterest imagePINTEREST PIN
Recent posts
Prima esperienza fuori casa: guida alla sopravvivenza
Come rendere meno impersonale e più tua una stanza che non è tua? Ti assicuro che basta poco, pochissimo nonostante avessi veramente tanti limiti pratici. Cercavo una soluzione indolore, perché lo sai, quando si vivi in affitto ci sono tanti limiti : buchi nel muro no, il proprietario puntualmente non vuole, cambiare colore alle pareti non si può fare, e adesivi no, e i mobili non si toccano.
Furore: il fiordo campano dei tuffi
Oggi voglio parlarti di un piccolo borghetto, pezzo di vero Paradiso, nascosto tra Conca dei Marini e Praiano: Furore.